Ricerca
Close this search box.

Stress e coping

Tempo di lettura: 4 minuti

Oggi ti parlo di coping, qual è il significato e quali sono le relative strategie per gestire lo stress.

Ho avuto modo di parlare più volte di stress e come a questo venga attribuita una accezione negativa.

Sono stressata, lavoro troppo.

Quando parli così mi stressi.

Insomma, nel linguaggio comune utilizziamo il termine stress per riferirci a una condizione di disagio che ci troviamo a fronteggiare anche se, in realtà, non è necessariamente spiacevole. Mi riferisco, in particolare, a tutti quei casi nei quali fronteggiamo qualcosa che è soltanto nuova, senza che sia sgradevole.

È il caso, per esempio, dell’ innamoramento, specie nelle prime fasi, che richiede comunque un adattamento, è quindi uno stress, nonostante sia piacevole.

Nei casi in cui, invece, l’adattamento richiesto riguardi situazioni spiacevoli e dolorose ecco che si rende necessario fronteggiarlo con azioni cosiddette di coping.

1. Coping: il significato

Ecco, a volte la parola coping, la cui traduzione dal verbo inglese to cope, indica l’atto di affrontare, fronteggiare appunto una condizione psicofisica derivante da un evento che ci ha provocato stress ovvero sforzo.

Quando devi svolgere un compito nuovo, uno qualsiasi, riguardante il tuo lavoro, la tua vita personale e perfino nelle attività che svolgi nel tempo libero l’organismo fa in modo che tu possa affrontare quel compito nel modo migliore. A tale scopo, infatti, si attiva il cosiddetto sistema di stress attraverso il quale hai a disposizione un insieme di predisposizioni particolari che ti consentono di affrontare e sopportare lo stress, cioè lo sforzo per adattarti alla situazione che devi gestire.

Mi riferisco, per esempio, all’aumento del battito cardiaco, alla contrazione dei vasi sanguigni periferici o alla immissione nel tuo organismo di sostanze chimiche, come il cortisolo o l’adrenalina, che potenziano in generale le tue prestazioni psicofisiche.

Questo, in estrema sintesi, quello che accade quando sei…stressato.

Ciascuno di noi, tuttavia, affronta lo stress in maniera diversa in base a diversi fattori del tutto soggettivi, quali ad esempio:

  • la difficoltà del compito
  • il livello di stress richiesto dal compito e/o sopportato in un certo periodo per vari motivi
  • la capacità personale di gestire lo stress in vari modi

2. Strategie di coping

In psicologia si parla in proposito di vere e proprie strategie di coping.

Per strategia si intende la tecnica di individuare gli obiettivi generali del fronteggiare lo stress, nonché modi e mezzi opportuni per raggiungerli. Può essere perciò intesa anche come piano, progetto o programma. (Treccani)

I primi a studiare strategie utili furono Susan Folkman e Richard Lazarus, psicologi americani, i quali distinsero il coping riferito:

  • al problema
  • all’emozione

Nel primo caso l’individuo si concentra sul problema analizzandolo per comprenderlo. Può cioè documentarsi direttamente oppure rivolgendosi ad altre persone o ancora seguire un vero e proprio piano di azioni.

Attraverso le strategie di coping basate sull’emozione, la persona, per gestire le sensazioni di disagio, cerca di evitare il problema oppure di considerarlo da un diverso punto di vista, meglio ancora se positivo.

In base a questi due elementi, problema e soluzione, le strategie di coping utilizzabili possono essere numerose con livelli di efficacia più o meno adeguati.

Se tuttavia consideri il superamento dello stato di stress come un qualsiasi risultato da ottenere attraverso una strategia ecco che allora puoi definirlo come un vero e proprio obiettivo da raggiungere attraverso un piano di azioni.

Come fare?

3. Strategie di coping e obiettivi

Prima di tutto devi prendere consapevolezza della situazione che stai vivendo e del tuo stato d’animo, immaginando quale vorresti che fosse una volta che sarai riuscito a gestirlo e superarlo con successo.

Visualizza quel risultato nel modo più vivido possibile, come se lo avessi già ottenuto. Immagina cioè il momento in cui ti sentirai sollevato, contento e gratificato per essere riuscito a utilizzare lo stress per adattarti con successo alla nuova situazione.

Fissa una scadenza e aspettati che accada.

Pensa a tutte le azioni che puoi fare per ottenere quel risultato e scegli quelle che ritieni più efficaci.

Crea un piano scritto inserendo in ordine cronologico le azioni che hai scelto.

Esegui con scrupolo tutte le azioni inserite nel piano.

La definizione del tuo obiettivo è essenziale perché in questo modo la tua mente mobiliterà tutte le risorse disponibili per ottenere il risultato desiderato.

Una volta definito l’obiettivo la scelta delle azioni da inserire nel piano può orientarsi su tutte le strategie possibili e, in particolare, su quelle che ti sono più congeniali.

Ti posso suggerire quelle che ritengo siano tra le più efficaci.

4. Strategie di coping: tecniche efficaci

Dopo aver preso consapevolezza del tuo stato di stress, puoi intanto fare in modo da ridurre le occasioni di stress negativo, il distress, e aumentare quelle che generano stress positivo, l’eustress.

Dedica del tempo, con regolarità, anche pochi minuti al giorno per cominciare, a qualunque tecnica o pratica che favorisca lo spostamento dell’attenzione all’interno e la conseguente produzione di attività elettrica cerebrale corrispondente alle frequenze alfa e theta. Puoi cioè eseguire un semplice rilassamento psico fisico, concentrarti per meditare su qualcosa, meglio se piacevole oppure utilizzare tecniche di autoipnosi.

La permanenza della mente negli stati di coscienza alfa e theta favorisce, tra l’altro, la produzione di sostanze chimiche che inducono stati di benessere come la serotonina, dopamina, ossitocina.

Altra attività molto utile è la pratica di qualsiasi sport anche la semplice passeggiata a passo veloce o le arti marziali cosiddette dolci come il tai chi chuan. Come suggerisce il famoso detto mens sana in corpore sano, il mantenimento di una forma fisica dinamica ha effetti benefici non soltanto sull’apparato muscolo scheletrico, ma di riflesso anche sulla mente.

Come vedi dunque le strategie di coping delle condizioni di stress sono tante anche se alcune di esse sembrano particolarmente efficaci specie se fatte rientrare nelle abitudini di vita quotidiane. Allo stesso tempo, tuttavia, è bene ricordare che lo stress è una condizione addirittura indispensabile per affrontare le sfide che la vita ci pone ogni giorno e che richiedono un continuo adattamento a situazioni nuove.

In fondo, se ci pensi, questo è proprio il sale della vita.

Mappa mentale coping
Mappa mentale articolo

Gli articoli che leggi sono un mio libero contributo alla tua felicità e al tuo benessere e sono gratuiti. Sarò veramente felice quando vorrai condividerlo e scriverai qui di seguito un tuo commento, importantissimo per conoscere il tuo punto di vista.

Recensioni

Non ci sono ancora commenti. Sii il primo a scrivere una.

Lascia una recensione

Potrebbero interessarti

Articoli correlati

dare ricevere feedback
CoachingComunicazione

Dimmi ‘COSA’ ho fatto. L’importanza di un buon feedback

In questo articolo scoprirai qualcosa in più sul significato del termine feedback, cos'è,  a cosa serve, perché può essere utile...
Palazzo della memoria
Mente e Cervello

Studio efficace con il palazzo della memoria

Oggi ti parlo di tecniche di memoria e, in particolare, quella del palazzo della memoria. Cos’è, come applicarla nello studio...
ComunicazioneMente e Cervello

Fake news: come difendersi dalle false notizie

Hai sentito parlare di Fake news ma non sai cosa siano esattamente?Non sai come gestirle?Continua a leggere, comprenderai meglio il...

Scopri il potere della tua mente!

Acquista ora

LE ONDE DEL SUCCESSO

Scopri i segreti della tua mente per vivere una vita più ricca e appagante.

Il mio libro

LE ONDE DEL SUCCESSO  apprendimento, creatività e benessere negli stati di coscienza alfa, theta e gamma 

è proprio l’opportunità che stavi aspettando.

Acquista ora

LE  ONDE DEL SUCCESSO

e inizia il tuo viaggio verso una vita più appagante e creativa!